TAVOLA ROTONDA "MIGRAZIONI E LAVORO"

TAVOLA ROTONDA "MIGRAZIONI E LAVORO"

Istituto Negrone (Corso Milano 4, Vigevano)
Sabato 19 gennaio 2019, ore 10,00 - 12,30

Introduce e modera:
Dott. Emanuel Di Marco - giornalista de L’Informatore Vigevanese
Relatori:
- Dott. Serafino Negrelli - professore ordinario di Sociologia dei processi economici e del lavoro dell’Università di Milano Bicocca
- Avv. Alberto Guariso - direttivo ASGI, Associazione Studi Giuridici Immigrazione
- Rag. Massimo Negri - Comitato Intercategoriale di Vigevano e Lomellina
- Dott.ssa Elena Maga - segretaria generale Ust CISL Pavia-Lodi
- Testimonianze - migranti italiani e migranti stranieri
- Don Claudio Ghidoni - direttore dell’Ufficio di Pastorale sociale e del lavoro della Diocesi di Vigevano

 

 

I COLORI DEL MONDO

Sabato 19 gennaio 2019
Istituto Negrone
Corso Milano 4, Vigevano

I COLORI DEL MONDO

Festa per famiglie
…e adulti, giovani, anziani di tutte le nazionalità

Dalle 13 alle 14.30: buffet di cibi etnici
Dalle 14.30 alle 17.30: giochi, animazioni, letture, trucca bimbi, musiche, balli folcloristici

 

 

 

Sabato 30 settembre 2017, ore 16.45: "I TANTI VOLTI DI UN'ITALIA SOLIDALE E DEMOCRATICA" - Incontro con Francisca Abregu Lopez

Il Tavolo Migranti di Vigevano organizza un incontro aperto alla cittadinanza per riflettere sul tema dell’immigrazione da un punto di vista civico, a partire dall’esperienza maturata nella vicina città di Abbiategrasso dove da anni il Comune ha attivato la Consulta degli stranieri.

L’obiettivo dell’incontro è conoscere l’esperienza dell’ex presidente della Consulta stranieri abbiatense, Francisca Abregù Lòpez, e poterci confrontare per capire come e perchè sia possibile questa proposta, per orientarci verso un futuro di maggiore integrazione e condivisione partendo da un piano, quello politico, che coinvolge tutti i cittadini, italiani e stranieri, che sono pertanto invitati a partecipare all’iniziativa.

La relatrice dell’incontro sarà Francisca Abregù Lòpez, avvocato di origine peruviana, per 8 anni presidente della consulta stranieri del Comune di Abbiategrasso. L’iniziativa avrà luogo presso la biblioteca civica “Lucio Mastronardi” (corso Cavour 82, Vigevano) con inizio alle ore 16.45, è aperta a tutti e si concluderà con la presentazione delle attività per il 2017-18. L’organizzazione dell’incontro è a cura della rete di associazioni che partecipano al Tavolo Migranti, Oltremare ed Ero Forestiero, col patrocinio della Associazione Amici di Palazzo Crespi e della Biblioteca civica “Lucio Mastronardi” di Vigevano.

 

Francisca Abregù Lòpez, nata in Perù e residente ad  Abbiategrasso, è laureata in Giurisprudenza e si è formata in Italia come Mediatrice Culturale presso la Fondazione “Silvano Andolfi” di Roma; ha poi lavorato con tale incarico nelle seguenti strutture pubbliche: Istituto Penitenziario per i Minorenni “Casal del Marmo”, Nuovo Complesso di Rebibbia, Centro Penitenziario “Regina Coeli”, Centro di Prima Accoglienza “Santo Spirito” presso l’Ospedale Santo Spirito di Roma, Casa dei Diritti Sociali di Roma, Scuola “Rio de Janeiro” di Roma e in diverse scuole a Roma e nell’abbiatense (scuole elementari, medie e superiori). Consulente Tecnico in Traduzioni (lingua spagnola) presso il Tribunale Civile e Penale di Roma. Ex-Presidente della Consulta Stranieri ad Abbiategrasso (per 8 anni).

 

La Consulta Stranieri  di Abbiategrasso è un organo consultivo del Comune di Abbiategrasso; costituisce uno  strumento di partecipazione dei cittadini d’origine straniera dovendo attraverso le sue attività raggiungere tre scopi principali: quello di garantire la reale fruizione dei diritti legali  dei cittadini non italiani, quello di prepararsi ad una società multiculturale e quello di gestire il fenomeno dell’immigrazione coinvolgendo la cittadinanza e le istituzioni.

La  consulta stranieri ha operato come un organismo consultivo, di indirizzo continuo, di informazione mirata, di aggregazione e soprattutto di confronto  delle tematiche collegate all’ integrazione e convivenza civile  tra i cittadini  stranieri e i cittadini italiani nel territorio dove questi si trovano, per la costruzione di una società solidale e democratica.

 

 

 

Sabato 1° ottobre 2016, ore 10.30: FARE INTEGRAZIONE - Incontro con SAMIA IBRAHIM

Sabato 1° ottobre 2016, ore 10.30

FARE INTEGRAZIONE - Incontro con SAMIA IBRAHIM
(fondatrice e presidente dell'associazione "El Modernista",
consigliere della quarta Municipalità del Comune di Milano)

Biblioteca civica “Lucio Mastronardi” (Corso Cavour 82, Vigevano – Sala Franzoso)

FARE INTEGRAZIONE - Che cos'è l'"integrazione"? Recita l'enciclopedia Treccani: "In senso generico, il fatto di integrare, di rendere intero, pieno, perfetto ciò che è incompleto o insufficiente a un determinato scopo, aggiungendo quanto è necessario o supplendo al difetto con mezzi opportuni", e anche, in senso sociale: "Inserzione, incorporazione, assimilazione di un individuo, di una categoria, di un gruppo etnico in un ambiente sociale, in un’organizzazione, in una comunità etnica, in una società costituita".
Sabato 1° ottobre 2016, alle ore 10.30 presso la sala "Franzoso" della biblioteca civica "Lucio Mastronardi" (corso Cavour 82 a Vigevano), parleremo di come si possa fare integrazione assieme a Samia Ibrahim, una giovane milanese di origini straniere impegnata nel volontariato e nel sociale con progetti di inclusione, ed essa stessa esempio di integrazione. L'obiettivo dell'incontro è quello di ragionare di quali strumenti e modalità la società civile si possa dotare per affrontare questa grande sfida del nostro tempo.
L'iniziativa non sarà una classica conferenza, ma, partendo dall’eperienza di Samia, offrirà uno scambio di idee e prospettive su come "fare" integrazione.

* * * * * * * * * * *

SAMIA IBRAHIM - Nata a Milano nel 1990 da madre congolese e padre eritreo, Samia Ibrahim da sempre si dedica al volontariato e allo sviluppo di progetti di inclusione socio-culturale. Ha lavorato all'interno delle scuole materne e primarie di Zona 4. Studia arte-terapia presso la scuola di ArtiTerapie Modello MBA, è conduttrice di laboratori esperienziali metodo ArtLab ed è iscritta alla facoltà di Scienze dell'Educazione Milano Bicocca.
E' fondatrice e presidente dell'APS "El Modernista" che opera in ambito sociale, educativo, culturale e ricreativo, con attività destinate a persone di tutte le età; l'associazione costituisce un centro polifunzionale che offre opportunità di aggregazione a tutta la comunità, incentiva la partecipazione attiva alla vita del quartiere, la cooperazione e il mutuo sostegno tra i cittadini. 
Samia, essendo di seconda generazione, si pone come mediatrice fra le due culture che compongono il suo bagaglio culturale: l'Italia e l'Africa, mettendo al servizio del prossimo la sua esperienza personale, la sua professionalità e la sua sensibilità.
Dal 2016 è inoltre impegnata in prima persona nella vita politica della sua città, essendo stata eletta come consigliere nella quarta municipalità del Comune di Milano.

 

 

Avrà luogo sabato 22 marzo con inizio alle ore 15,30 la preghiera per la Pace e la Fratellanza tra i Popoli, incontro ecumenico di preghiera organizzato dalle comunità e associazioni cristiane di Vigevano per la pace in Ucraina e per tutti i cristiani sofferenti nel mondo.
L'iniziativa si svolgerà presso i locali della Parrocchia ortodossa della Protezione della Madre di Dio, siti presso Palazzo Riberia (entrata da Via della Costa 21) a Vigevano: per maggiori informazioni e la mappa, è consultabile il sito www.esarcato.it/parrocchie/vigevano.html
E' inoltre scaricabile il volantino, in italiano e in ucraino, al link sotto riportato.

 

 

 

 

I COLORI DEL MONDO

sabato 11 maggio 2013
Cavallerizza del Castello Sforzesco
via Rocca Vecchia Vigevano (ingresso libero)

Programma:
ore 16.00 Apertura manifestazione

ore 16.15 Chi sei tu? Chi sono io? Crescere insieme in un mondo a colori
Percorsi educativi verso il riconoscimento delle differenze nella scuola primaria (a cura di Kore coop. onlus)

ore 18.30 Ballo Reggaeton Mix e Ballo Bachata
A cura dell’Associazione Latinoamericana Fuerza Juvenil

ore 19.00 Performance "Viviamo sulla terra"
A cura di Radi Keleeb, in collaborazione con Ero Forestiero

ore 19.30 “Multi-Gusti – Tutti-Giusti” – assaggi etno-gastronomici

ore 21.00 Suoni e colori dal Mondo: le musiche arabe con il gruppo KARIM BOUDRIKA

 

 

Vigevano: un minore su quattro è straniero

Articolo tratto da L'Informatore del 31 gennaio 2013:

 ESCAPE='HTML'

 

 

Nuovi italiani fonte di speranza

“Sono convinto che i bambini e i ragazzi venuti con l'immigrazione facciano parte integrante dell'Italia di oggi e di domani e rappresentino una grande fonte di speranza. Si tratta di una presenza che concorre ad alimentare quell'energia vitale di cui oggi l'Italia ha estremo bisogno". Lo ha detto il Presidente Napolitano in occasione dell'incontro con i nuovi cittadini italiani celebrato al Quirinale nel mese di novembre in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia.
Per il Capo dello Stato, "non comprendere la portata del fenomeno migratorio e non capire quanto sia necessario il contributo dell'immigrazione per il nostro Paese significa semplicemente non saper guardare alla realtà e al futuro… E non deve preoccupare il fatto che la loro sia un'identità complessa, non necessariamente unica, esclusiva. Se noi desideriamo che i figli dei nostri cittadini emigrati all'estero mantengano un legame con l'Italia e si sentano in parte anche e ancora italiani, non possiamo chiedere invece ai ragazzi che hanno genitori nati in altri paesi di ignorare le proprie origini. L'importante  è che vogliano vivere in Italia e contribuire al benessere collettivo condividendo lingua, valori costituzionali, doveri civici e di legge del nostro paese".
Quindi, "dobbiamo essere fieri del fatto che, pur mantenendo un legame con le origini, essi esprimano la volontà di diventare italiani. Questo, infatti, rappresenta un'attestazione importante di stima e fiducia nei confronti del nostro Paese. Dobbiamo sentire una forte responsabilità e un preciso dovere di non deludere questa fede nell'Italia".